Apprendistato senza limiti di età per chi percepisce l’indennità di disoccupazione (NASPI)

L’ Apprendistato per i percettori di Naspi è una delle assunzioni agevolate attualmente disponibili: l’azienda può fruire degli sgravi ed il dipendente ha l’opportunità di riqualificarsi.

Il datore di lavoro, grazie al contratti di APPRENDISTATO per percettori di NASPI può:

  • Assumere con un vantaggio doppio  in termini di costo: oltre allo sgravio previsto per l’apprendistato, al datore verrà riconosciuto come ulteriore beneficio il 20% della NASPI che il lavoratore avrebbe percepito;
  • Supportare un lavoratore attualmente fuori dal mercato del lavoro a riqualificarsi;
  • Avere un impatto sociale positivo,  riducendo la spesa sostenuta dallo stato in termini di ammortizzatori sociali.

Il lavoratore, grazie all’APPRENDISTATO per percettori di NASPI può:

  • Rientrare nel mondo del lavoro;
  • Riqualificarsi ed accrescere la propria professionalità;
  • Acquisite nuove competenze e conoscenze in un percorso di formazione on the job.

 

Quali caratteristiche deve avere il lavoratore per essere assunto con questi benefici?

Essendo uno strumento volto a riqualificare lavoratori fuori dal mondo del lavoro, il lavoratore, oltre ad essere percettore di NASPI, non deve aver coperto, con precedenti datori di lavoro, la qualifica che gli si andrebbe a proporre.

(ad esempio: un lavoratore che ha fatto sempre il cameriere, potrebbe fare l’apprendistato per la riqualificazione come addetto reception)

A quanto ammontano gli sgravi a cui avrebbe diritto l’azienda?

L’aliquota pagata dall’azienda varia in base al numero di dipendenti ed al settore di appartenenza.

Per fare un esempio,  un’azienda con  8 dipendenti, può risparmiare, per il primo periodo di apprendistato, su una retribuzione lorda di 1500€ al mese, fino a 400€ di contributi.

 

Richiedi maggiori informazioni! Scrivici!